Un personaggio che probabilmente potrà cambiare la visione del calcio(mercato) in Italia, ci voleva, e’ arrivato Monchi, e’ arrivato nella piazza ideale dove poter creare calcio, dopo il regno di Capitan Totti bisognerà’ abbandonare l’idea romantica di calcio per anteporre solo l’ossessione de risultato sapendola abbinare, per necessita’, al profitto.
L’ esperienza di Monchi al Siviglia ci insegna che i giocatori vanno sempre venduti a fronte di offerte importanti ma con la consapevolezza di avere in “canna” una serie di alternative pronte sul mercato.
Per queste ragioni la Roma del futuro la immagino molto diversa, credo che verranno “dismessi” tutti i giocatori over 30 in particolare Dzeko con il quale si cercherà’ di fare cassa vista l’ottima annata, DeRossi che ha un ingaggio fuori parametro, e Totti per il quale e’ già previsto un ruolo post calcio. Il monte ingaggi sarà sicuramente ridotto e la rosa allargata con giocatori di eta’ media bassa.
Credo che il centrocampo del futuro con l’inserimento di Kessie e Pellegrini possa assorbire bene le partenze di Paresse che non ha mai convinto fino in fondo e DeRossi.
In attacco se arriverà un offerta da almeno 30 milioni per Dzeko verranno cercate almeno due prime punte complete.
Il lavoro più complicato riguarderà la difesa perché con le partenze di Vermaleen e Manolas, ai margini della Roma del prossimo anno per diversi motivi, bisognerà trovare due centrali difensivi possibilmente di piede diverso l’uno dall’altro (uno destro e uno mancino).
La certezza e’ che sarà una Roma molto diversa da oggi.